FASHION & BEAUTY

INFO SULLA MASCHERA PEEL OFF

MY POINT OF VIEW by Cecilia Minelli

Oggi voglio darvi qualche notizia in più sulla maschera più di tendenza del momento, la più richiesta nelle Profumerie ed usata anche da molte celebrities… la tanto nominata maschera peel off. Partendo dalla traduzione del termine, peel off letteralmente tradotto significa “sbucciare”.

Sono dunque delle maschere in crema che vanno stese sul viso, evitando accuratamente la zona contorno occhi e labbiale, e lasciate in posa solitamente per un periodo di tempo che va dai 15 ai 20 minuti. A termine del tempo di posa andremo a rimuovere la stessa maschera proprio come se fosse una pellicola dal nostro viso.

Solitamente sono maschere di pulizia che agiscono anche per i punti neri o tanto nominati “balckheads” agendo sulle impurità della pelle e sulla eliminazione degli stessi. Spesso vengono preferite rispetto solite maschere di pulizia perché non c’è alcun tipo di “spreco” del prodotto.

Molto importante è il metodo di applicazione della maschera. Dopo aver deterso il viso e quindi eventualmente anche dopo averlo struccato per benino andremo a stendere sul viso uno strato di maschera che non sia né troppo sottile né troppo spesso, al fine di permettere un’asciugatura omogenea nei tempi previsti dal prodotto. Dopo il tempo di posa andremo a staccare la nostra maschera peel off dai bordi e se stesa per bene dovrebbe venire via interamente. Io consiglio alle mie signore di procedere con questa operazione staccandola dal mento e salendo verso la fronte.

A differenza di tanti strani tutorial che purtroppo vedo in giro voglio rassicurare chiunque decida di utilizzarla che la rimozione della maschera peel off è assolutamente indolore. Si potrebbe avvertire una sensazione di “pelle tirata” ma in tal caso la nostra maschera avrà semplicemente svolto il suo compito di pulizia.

Generalmente infatti contengono degli attivi purificanti, del carbone vegetale e acido glicolico contrastando in tal modo l’aspetto lucido della pelle, la texture irregolare e i punti neri. Subito dopo io consiglio “sempre” di passare una lozione o del tonico e di procedere con la nostra routine di bellezza.

Come al solito è doveroso da parte mia dire che oggi quasi tutte le aziende presentano nella loro gamma di maschera una “peel off”. La mia preferita e che consiglio a tutte di provare è la WASO Purifying Peel Off della Shiseido. Ha un accattivante color fucsia perlato e rimuove oltre a qualsiasi tipo di impurità anche le sostanze inquinanti, lasciando la pelle liscia ed idratata.

A differenza delle altre maschere peel off adatte in paricolar modo solo alle pelli normali / miste o miste/grasse questa maschera è invece adatta a Tutti i tipi di pelle, anche le più sensibili e può essere utilizzata anche una o due volte a settimana a seconda delle esigenze. Si compone del Red Shiso, Basilico rosso giapponese, che ha un’azione antisettica, antiossidante e detossificante, da cellule di nespolo che regolano il sebo,  da una anti-pollution powder che assorbe ed elimina le sostanze inquinanti presenti nell’aria e arricchita dall’antiblemish technology formulata con radici di peonia ed estratto di liquirizia al fine di agire sulle cause delle imperfezioni ed evitare che le macchie peggiorino.

Rapporto qualità/prezzo?  Ottimo… perché non provarla dunque.