USO OTTIMALE DEL CORRETTORE

MY POINT OF VIEW by Cecilia Minelli

A COSA SERVE UN CORRETTORE E COME UTILIZZARLO AL MEGLIO

Per realizzare una buona “base” oltre al fondotinta ed alla cipria nella vostra trousse non può assolutamente mancare un nostro grande alleato, il correttore.

Ma a cosa serve esattamente il correttore? Principalmente a correggere le nostre occhiaie infatti è l’unico prodotto da utilizzare nella zona contorno occhi proprio perché ha un peso specifico diverso rispetto a quella del fondotinta, ed essendo la pelle del nostro contorno occhi molto più sottile rispetto a quella del resto del viso quando andiamo a correggere “erroneamente” le occhiaie con il fondotinta stiamo andando a procurarci la nascita delle rughette. Non dimentichiamoci che come già detto in uno dei miei precedenti articoli, la zona contorno occhi è la parte più sfruttata del nostro viso in quanto noi con gli occhi parliamo anche se restiamo in silenzio, se siamo tristi o felici, se ridiamo o piangiamo, se semplicemente guardiamo qualcosa, quindi dobbiamo averne molta cura.

Ma il correttore viene utilizzato anche per eliminare piccoli fastidiosi inestetismi cutanei quali per esempio rossori o acne. Ne esistono diversi tipi quindi dovremo individuare prima la consistenza più adatta al nostro tipo di pelle e poi ovviamente anche il colore adatto alla nostra esigenza o meglio alla correzione di cui abbiamo bisogno.

Solitamente i “correttori stick” vengono consigliati alle pelli giovani mentre quelli liquidi alle pelli più mature in quanto mettono meno in evidenza le rughe presenti. Chi presenta una pelle invece molto grassa o acneica dovrebbe utilizzare un correttore in polvere. Una domanda che  tante signore mi fanno è: “ma quando lo devo applicare, prima o dopo il fondotinta?” Esistono due diverse scuole di pensiero…

Secondo la vecchia scuola andrebbe applicato dopo la nostra crema di trattamento nelle zone interessate, e prima della stesura del fondotinta, questo perché la texture dei primi correttori  spesso risultava molto spessa e pastosa. Oggi però esistono correttori altamente performanti nonostante la loro texture ultrasottile quindi potremmo senza problema anche invertire i passaggi.

I correttori si distinguono in quelli “color carne” che solitamente hanno svariate nuance di beige e rosa ed in quelli colorati. L’utilizzo di questi ultimi va assolutamente fatto prima della stesura del fondotinta. I colorati si distinguono in verde per coprire rossori e brufoli, arancio per neutralizzare la tinta violacea delle occhiaie, giallo per dare luminosità agli incarnati spenti. Questi sono ovviamente i tre colori più diffusi sul mercato ma tantissime aziende presentano anche il glicine o lilla che verrà comunque utilizzato per combattere l’incarnato giallognolo delle pelli olivastre.

Molto importante è naturalmente la scelta del colore del nostro correttore, perché sbagliandolo rischiamo di mettere ancora più in evidenza la nostra imperfezione piuttosto che nasconderla. E molta importanza ha il sottotono in quanto scegliendo per esempio un colore troppo freddo o rosato potremmo avere come risultato un pessimo colore grigiastro.

Un ultimo consiglio: non dobbiamo mai eccedere con le quantità ma ci conviene sempre procedere gradualmente in modo da non mettere in evidenza la nostra imperfezione ma da rendere perfetta la nostra correzione.

Lascia un commento