NOVITÀ SUL FRONTE FASHION?

G for Glam di Gerardo Carretta

Le stagioni passano, le mode… RESTANO!

È probabilmente questo il motto che negli ultimi anni rappresenta al meglio la moda mondiale. Se nel beauty e nella tecnologia a far da padrone sono i termini INNOVAZIONE e UNICITÀ’, non succede lo stesso per i Fashion Brands, dove spesso può apparire che gli unici a rifarsi il look siano le grandi multinazionali dello shopping low cost. Questo, assoldando giovani stilisti emergenti e creando qualcosa di nuovo, sempre.

Ma è davvero così? Ogni anno assistiamo ad un calciomercato di direttori creativi e di idee, da una casa all’altra, con la speranza che quest’ultimi portino aria di freschezza. A volte funziona, a volte no. Spesso per rinverdire collezioni che, devono comunque non osare troppo e mantenere una proposta creativa che vada di pari passo con la commerciabilità del prodotti, si ricorre al supporto tecnologico e all’utilizzo dei social. In particolare la MODA, quella con la M maiuscola quella dei brands più famosi e richiesti, per intenderci, è diventata molto social ed estremamente pop (nell’accezione di popolare).

Ognuno di noi con il proprio smartphone ha l’opportunità di godersi un fashion show davanti ad uno spritz con gli amici. Le sfilate in corso in questa” Fashion week milanese” confermano tutto ciò. LA MODA non è più fatta di ESCLUSIVITÀ ma ha aperto le braccia al popolo. Per molti marchi è un grande valore aggiunto, spesso ad onor del vero che il grande business arriva anche dalla grande notorietà e dal grande seguito sui social dei propri direttori.

Basti pensare ad Alessandro dell’Acqua, designer comunque di indubbia bravura. Con maestria ha reso il suo marchio N 21 tra quelli dallo spirito social e pop più performante. Ciò certamente gli porta maggiore visibilità su potenziali clienti che forse non arriverebbero in altro modo a conoscere le sue proposte creative.

Altro esempio folgorante Marcelo Burlon, il suo carisma e la sua bravura si sono palesati “via Internet” ed ora è certamente tra i creatori più apprezzati, soprattutto dalle ultime generazioni.

Comunque, a chi crede ancora “nell’esclusività da prima fila”, tranquilli esiste ancora, esiste ancora… come esistono ancora i privilegiati che vivono da vicino, molto vicino, i fashion show da favola che stagionalmente tornano puntuali a fare sognare chi ama” il fashion”, in tutto il pianeta.

Spesso sono proprio gli invitati a questi importanti happenings di moda a trascinare i brands che pubblicizzano indossandoli, a successi ancora più conclamati.  Basta dare un’occhiata agli outfits di Chiara Ferragni, FedezNicki Minaj al fashion show di Fendi …. seppur esagerati hanno lasciato a bocca aperta milioni di loro followers.

Ho amato molto la collezione presentata alcuni giorni fa dall’osannato Riccardo Tisci, creatore di un vero e proprio nuovo BURBERRYbisogna riconoscergli un estro ed una  creatività strabilianti che gli permettono, diciamolo, di far diventare oro tutto quello che tocca.

Ma la vera araba fenice è una e lo è da sempre: il grande maestro Karl Lagerfeld; con il suo genio creativo e forse inconsapevolmente istrionico riesce (meritatamente) ad essere amato da generazioni. La sua ultima collezione, dedicata “alle tasche” presentate enormi su capi assolutamente impeccabili da Fendi, farà sicuramente molto parlare di se. Unico neo, per molti, l’utilizzo in grande quantità di pellicce naturali.

Per oggi mi congedo da voi. Un abbraccio.

GI

Lascia un commento