NATURAL BORN READER – BASTARDO NUMERO UNO

NBR – Natural Born Reader a cura di Roberta Maroni per Magazzino26

Voglia di leggerezza? Alla ricerca di letture divertenti da portare sotto l’ombrellone? Provate Bastardo numero uno di Janet Evanovich.

Bastardo numero uno di Janet Evanovich

Janet Evanovich è una prolifica scrittrice nata e cresciuta nel New Jersey. Ha iniziato la sua carriera di scrittrice sotto pseudonimo con una serie di romanzi rosa. E’ tornata al suo vero nome per la serie di Stephanie Plum, una leggera e divertente combinazione di poliziesco, commedia e romantico. Al momento “sforna” un libro l’anno.

Protagonista indiscussa di questa serie è appunto Stephanie Plum, una simpatica trentenne di origini italo-ungheresi che vive nel suo quartiere natale, il Borgo, una zona residenziale di Trenton, New Jersey. In “Bastardo numero uno” troviamo la nostra eroina con seri problemi economici. E’ reduce da un divorzio burrascoso, ha perso il lavoro, stanno per confiscarle la macchina e rischia di perdere anche il suo appartamento, ultimo baluardo di indipendenza da una famiglia affettuosa ma ingombrante.

La soluzione verrà dal cugino Vinnie, proprietario di un’agenzia di anticipo cauzioni, che si trova a corto di agenti di recupero e non può negarle un favore. Il lavoro consiste nel trovare e “arrestare” quelli che, scarcerati in attesa di processo pagando una cauzione (anticipata da Vinnie), non si presentano all’udienza. La tipologia delle “prede” è molto varia: dal vero delinquente al personaggio eccentrico. Stephanie ovviamente non ha alcuna esperienza, ha paura delle armi e pecca (ancora) di un’ingenuità davvero disarmante.

Il suo primo incarico sarà il classico battesimo del fuoco: deve rintracciare Joe Morelli, un poliziotto in fuga, accusato di omicidio. Un uomo scaltro, affascinante e con molti contatti nel Borgo. Come se non bastasse fra Joe e Stephanie ci sono dei conti in sospeso…

Le indagini procederanno fra errori clamorosi e successi incredibili; per sua fortuna Stephanie bilancia l’incompetenza con l’intuito, l’assenza di preparazione con una rete di conoscenze e gossip utilissime e la mancanza di coraggio con la testardaggine. Si imbatterà anche in situazioni molto pericolose ma riuscirà a venirne fuori illesa o quasi.

A circondare la nostra investigatrice ci sono una serie di personaggi fissi godibilissimi: in questo primo romanzo brilla nonna Mazur, un vero peperino, ma merita sicuramente una menzione anche Ranger, un collega di Stephanie, letale quanto sexy. Questo è un libro facile e poco impegnativo ma che si legge tutto d’un fiato, incuriositi dall’evolversi della trama e del personaggio. La scrittura è fluida, lo stile diretto e molto informale. La componente investigativa della trama è bene amalgamata con la parte romantica. E non mancano le occasioni per farsi una bella risata.

Anche se la trama poliziesca è autoconclusiva in ogni romanzo, io vi consiglio di cominciare dal primo libro e, se vi piace, procedere con la giusta sequenza. Infatti le vicende personali e la caratterizzazione dei personaggi proseguono di romanzo in romanzo, creando un efficace legame con il lettore.

“Bastardo numero uno” non è certamente un’uscita recente e qua e là un po’ si avverte. Però sarà facile trovarlo a prezzo ridotto, sia tascabile che per e-reader, perfetto da portare in vacanza. Attualmente l’ultimo capitolo edito in Italia è “Otto volante” mentre in America sono in attesa del 25esimo!!! E’ comunque semplice proseguire la lettura nel corretto ordine: infatti il relativo numero compare sempre nel titolo (“Due di troppo”, “Tre e sei morto”, “Non dire quattro” ecc.).

Io naturalmente li ho già letti, con gusto, tutti e mi farebbe veramente piacere se qualche editore si decidesse a ricominciare a pubblicare gli altri; il materiale di certo non manca!

Buona estate e buona lettura!

Lascia un commento