LIFESTYLE & WELLNESS

ESSERE O APPARIRE ?

Psicorubrica curated by Lara Ventisette,,it,To be or appear,,it,This is the dilemma of our time,,it,The effect first impression is now known,,it,it is the mental process can build an opinion about the people that we see for the first time,,it,It lasts a few seconds and was due to communication kit NON-verbal,,it,position,,es,gestures,,ro,prossemica,,pt,haptic,,ro,shows us that the stranger,,it,even before we string the hand to introduce himself,,it,we know if there is sympathetic or unsympathetic,,it

Essere o apparire? Questo è il dilemma del nostro tempo.

essere o apparire_laura ventisette

L’effetto prima impressione è ormai noto: si tratta del processo mentale in grado di costruire un’opinione sulle persone che vediamo per la prima volta; dura pochi secondi ed è imputabile al corredo comunicativo NON-verbale (postura, mimica, prossemica, aptica) che lo sconosciuto ci manifesta: ancor prima che ci stringa la mano per presentarsi, già sappiamo se ci è simpatico o antipatico. The first impression is crucial in building our opinion on others and persists over time,,it,it is true that,,it,sooner or later,,it,change your mind about someone you can,,it,but the process is complex and studies on the subject show that it can take up to six months,,it,In our time the dilemma between being and appearance is further complicated by the Social,,it,In fact, the channels that were created to facilitate communication,,it; é vero che, presto o tardi, cambiare opinione su qualcuno è possibile, ma il processo è complesso e gli studi sull’argomento rivelano che ci possono volere fino a sei mesi.

Nel nostro tempo il dilemma tra essere e apparire è ulteriormente complicato dai Social, infatti i canali che erano nati per facilitare la comunicazione, often they wither because they offer fewer chances to our "being" to show themselves under the guise,,it,The selfies and photographs that we choose for our social profiles,,it,or in which we tagged,,it,They embody our identity,,it,Online there is no NON-verbal kit to support us,,it,the words we write are subject to free interpretation based solely on the image that we evoke,,it,If the pictures arouse sympathy and are consistent with the profession that we perform and the social role that we,,it.

I selfie e le fotografie che scegliamo per i nostri profili social, o nelle quali veniamo taggati, sono portavoce della nostra identità. Online non esiste il corredo NON-verbale a supportarci: le parole che scriviamo sono soggette a libere interpretazioni basate esclusivamente sull’immagine che evochiamo. Se le foto suscitano simpatia e sono coerenti con la professione che svolgiamo e il ruolo sociale che abbiamo, then our post will be read and people will be interested to find out more about us,,it,But if the images "piercing" your smartphone screen will be discordant with & nbsp; the person we are,,it,risulteremo not credible and less interesting,,it,In our time,,it,the dilemma between being and seeming collapsed on itself because it has changed the way we communicate between people,,it,in our time seem to be =,,it,There is no distinction,,it,If our look like,,it. Ma se le immagini che “bucano” lo schermo dello smartphone saranno discordanti con la persona che siamo, risulteremo poco credibili e meno interessanti.

Nel nostro tempo, il dilemma tra essere e apparire è collassato su se stesso perché è cambiato il modo di comunicare tra le persone: nel nostro tempo essere=apparire. Non esiste distinzione. Se il nostro apparire piace, people will give us more opportunities to show who we are,,it,if our appearance does not like,,it,It will be less likely to be able to show the hidden side of us,,it,Our image is there and tells who we are,,it,willy-nilly,,it,but a way out of the dilemma exists,,it,choose what you want to communicate us,,it,depending on the people with whom we interact and situations that we live,,it,How do I'll tell you in the next article,,it,OR BE SEEN,,it; se il nostro apparire non piace, sarà meno probabile poter mostrare i lati più nascosti di noi.

La nostra immagine ci rappresenta e racconta chi siamo, volenti o nolenti, ma una via d’uscita al dilemma esiste: scegliere quello che vogliamo comunicare di noi, a seconda delle persone con cui interagiamo e delle situazioni che viviamo.

Come farlo ve lo racconterò nel prossimo articolo.