BOLOGNA MUSEUMS,it

BOLOGNA PROGRAMMING MUSEUMS AND EXHIBITIONS by,it 3 al 9 March 2017

APPUNTAMENTI IN PROGRAMMA

DA VENERDÌ’ 3& Nbsp; ON THURSDAY' 9 MARCH 2017

Ogni settimana i Musei Civici di Bologna propongono un ricco calendario di appuntamenti, per svelare le loro collezioni e raccontare aspetti ed episodi inediti e curiosi della storia della città, anche attraverso punti di vista differenti e insoliti accostamenti fra le diverse collezioni. Conferenze, laboratori, concerti, visite guidate, visite in lingua sono i principali “strumenti” di questo racconto, che si dispiega lungo millenni di storia, dai primi utensili in pietra di uomini vissuti 800.000 anni fa ai prodotti dell’attuale distretto industriale, dalla pittura alle varie forme dell’arte moderna e contemporanea, dalla musica alle grandi epopee politiche e civili.

IN EVIDENZA

Domenica 5 March back #DomenicalMuseo: like every first Sunday of the month, free admission to the permanent collections of all the Institution's premises Bologna Museums.

PER I BAMBINI

sabato 4 marzo

ore 10:00 e ore 11:15 Museo della Musica – Strada Maggiore, 34

In occasione della rassegna The Best of “Giochi sonori” (II incontro)

Laboratorio sonoro in 4 incontri per bambini da 24 mesi a 4 years and parents. Alle ore 10 per bambini da 24 a 35 mesi; alle ore 11.15 per bambini 3 a 4 anni. Con Antonella Prontera. Bambini ed adulti alla scoperta di suoni, ritmi e parametri musicali. Uno spazio per esplorare, stupirsi, ascoltare, condividere e imparare. Un’esperienza ludica in cui emotività, creatività e fantasia potranno esprimersi liberamente. Prenotazione obbligatoria solo online su www.museibologna.it/musica. –& Nbsp; entrance: € 5,00 per participant is required confirmation of any cancellation by the Thursday before the workshop date.

ore 10:30

In occasione della rassegna The Best of “Radici e Ali” (II incontro)

Laboratorio di danze popolari del sud Italia in 3 incontri per bambini da 6 a 8 years and parents. Con Paola Perrone e Gianluca Carta.

Le danze popolari sono incontro, festa, condivisione. Il laboratorio diventa un’allegra occasione per prendere coscienza di sé e sviluppare la capacità di ascolto, la sensibilità musicale, la comunicazione attraverso un linguaggio non verbale, la fantasia e la capacità di stare insieme, promuovendo l’interazione tra bambini e tra bambini e genitori. Prenotazione obbligatoria solo online su www.museibologna.it/musica. Si richiede conferma o eventuale disdetta entro il giovedì precedente la data del laboratorio.

Ingresso: € 5,00 a partecipante – Info: www.museibologna.it/musica

ore 15:30 Museo del Patrimonio Industriale – Via della Beverara, 123

“in the color world trip” – Workshop for children from 3 a 6 anni.

experiments, games, optical and color effects are the ingredients of this workshop dedicated to the world of colors. Younger children will be asked to complete a mission: coloring Buzzy, a small and timid robot, with new colors that do not spoil. This will be an opportunity to discover and explore some phenomena related to light, colors and shadows. The colored shadow will tackle themes of reflection and absorption of the colors. After a short story accompanied by the "Shadow Theatre", Maxwell will understand how hard additive synthesis can take place directly in the eye. This experiment will eventually be taken over by using spinning tops and colored discs that all children can try out and eventually rebuild or home or in the classroom. Prenotazione obbligatoria allo 051 6356611 (within hours 13 on Friday 3 marzo).

Ingresso: € 4,00 (gratuito per un accompagnatore adulto) – Info: www.museibologna.it/patrimonioindustriale

ore 16:00 Museo Archeologico – Via dell’Archiginnasio, 2

For the cycle at the museum for fun – “winged words talking”

Visit-theater workshop for children 8 a 11 years by the archaeologists of the company Aster.

We start from the Attic pottery preserved in museum, whose iconography often return the famous episodes of the myth and images of gods and heroes, to bring these stories to their original form, the orality of its Homeric poems and lyrical archaic. Led by an actor / bard, Children will be invited to take part in the storytelling process, expressing opinions, bringing their knowledge, adding fragments or variants suggesting: thus become an integral part of the story will come to life thanks to the contribution of all. Prenotazione obbligatoria allo 051 2757202, ore 9-13, Tuesday through Thursday preceding the event.

Ingresso: € 4,00 per child (gratuito per un accompagnatore adulto) fino ad esaurimento posti (max. 20) – Info: www.museibologna.it/archeologico

ore 16:00 MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – Via Don Minzoni, 14

“Like Teen Spirit. Things of this world?” – Laboratorio per ragazzi da 11 a 15 anni.

An engaging and charming visit to the exhibition “Lotsucht/Scandagliodipendenza”, a narrative in contact with the works to move with the nuances of the colors lit Jonas Burgert and the changing of the human soul. In the artist's canvases recognize archaic myths and contemporary, eroi and antieroi, visionary environments, apocalyptic, wonderful that evoke the fate and human events from past to present. Prenotazione obbligatoria allo 051 6496627 (martedì e giovedì, from 9 all 17) oppure mamboedu@comune.bologna.it.

Ingresso: € 4,00 – Info: www.mambo-bologna.org

domenica 5 marzo

ore 16:00 MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – Via Don Minzoni, 14

“Domenica al museo. Color emotions” – Laboratorio per ragazzi da 8 a 11 anni.

After visiting the temporary exhibition “Jonas Burgert. Lotsucht/Scandagliodipendenza”, the participants are involved in a laboratory where composition, painting and collage help provide a fantastic setting for the setting of the allegory of their emotions.

Prenotazione obbligatoria allo 051 6496627 (martedì e giovedì, from 9 all 17) oppure mamboedu@comune.bologna.it.

Ingresso: € 4,00 – Info: www.mambo-bologna.org

GLI ALTRI APPUNTAMENTI

venerdì 3 marzo

ore 17:30 Museo Davia Bargellini – Strada Maggiore, 44

Per il ciclo Palazzo Davia Bargellini: una dimora riscoperta

Visita guidata al palazzo e ai dipinti del XVII secolo, recentemente restaurati e ricollocati nel salone del piano nobile. With Paolo Cova, RTI Senza titolo s.r.l. e ASTER s.r.l.

Ingresso: gratuito – Info: www.museibologna.it/arteantica

sabato 4 marzo

ore 16:00 College Artistic Venturoli –& Nbsp; Via Centotrecento, 4

“Little artists to the College Venturoli”

Square dance by the Association 8cento and guided visit to the College Venturoli, in collaboration with the Museum of the Risorgimento.

The college, born in 1825 by architect Will Angelo Venturoli, It hosts two centuries young artists. In the archive are kept important evidence of the daily lives of young boys, while in the rooms they display their works. Between '800 and' 900, the Board has formed the best Bolognese artists.

dance scenes with theatrical moments will be represented by the course Association junior 8cento young dancers, who interpret the students of the College twelve years old. Screenplay is by nineteenth century diaries of young artists.

Guided tour with Roberto Martorelli, Museo civico del Risorgimento. Prenotazione obbligatoria allo 051 234866 (Monday Friday, ore 9-15).

Ingresso: gratuito – Info: www.museibologna.it/risorgimento

ore 17:00 Museo della Musica – Strada Maggiore, 34

On the occasion of the festival of the year… The musicians tell the musicians – “Giacomo Gorzanis Solo lute music”

CD live presentation (Deutsche Harmonia Mundi, 2017) with Michele charges (liuto).

Italia, about half of the '500. A young virtuoso of the lute, Giacomo Gorzanis, native to the southeast of the peninsula is established in the city of Trieste, at that time placed under the protection of Asburgo.Nulla we know of his life before this time, if you do what he tells us about his publications. Much in demand as a composer and virtuoso of the lute, Gorzanis makes contact and dedicates his works to the most notable local families linked politically to Charles II, Archduke of Austria. His music follows the styles of the moment, genres, in the forms and in the ornamentation, showing at the same time a highly recognizable personal mark: goes directly to the listener, as if it were made on the spot by a skilled improviser.

“Solo lute music” It is the first monograph on the works of Gorzani and contains a large majority of premieres engravings, from his fourth book of tablature for lute, published posthumously by his son Maximilian, plus a selection of songs from other sources.

Ingresso: Free to availability – Info: www.museibologna.it/musica

domenica 5 marzo

ore 11:00 Museo del Risorgimento – Piazza Carducci, 5

MuseoRisorgimento_mostra Matania_bologna musei_magazzino26

“Fare l’Italia. Il Risorgimento romantico e eroico nei dipinti di Edoardo Matania (1849-1927)”

Guided tour of the exhibition with Roberto Martorelli, Museo civico del Risorgimento.

Ingresso: gratuito (It is not due to the payment of the entrance fee to the museum as the first Sunday of the month)

Info: www.museibologna.it/risorgimento

ore 16:00 Museo del Patrimonio Industriale – Via della Beverara, 123

“The work in the furnace” – Visita guidata.

The brick industry has a long tradition in Bologna. The city's architecture it bears traces both in construction materials in the decorative inserts of churches and palaces of the old town. The development of the city outside the ancient fourteenth-century city wall – the nineteenth and twentieth century – it happened to coincide with the birth of many modern furnaces along the channel Navile. The proposed route is structured precisely around the story of Hell Galotti of Battiferro (built in 1887 and currently houses the museum), the technology of the plants, innovation constituted by continuous cooking in the oven and Hoffmann to the heavy clay processing cycle. The latter was following precise rules and rituals: by Clay choice, its ventilation, all’impasto, until the drying process prior to the cooking and that was done in the first and second floor of the furnace. The numerous vestiges of industrial architecture in addition providing insight into the issues related to urban expansion of the city and its industrial growth from the late nineteenth and early twentieth century. Prenotazione obbligatoria allo 051 6356611 (within hours 13 on Friday 3 marzo).

Ingresso: gratuito (It is not due to the payment of the entrance fee to the museum as the first Sunday of the month)

Info: www.museibologna.it/patrimonioindustriale

ore 16:00 MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – Via Don Minzoni, 14

“Guided tour of the Permanent Collection MAMbo”

A guided tour Permanent collection to approach the history of Italian art, from the mid-fifties to the present day, through the activities of the former Gallery of Modern Art of Bologna and the subsequent acquisitions of Mambo. Prenotazione obbligatoria allo 051 6496627 (martedì e giovedì dalle 9 all 17) oppure mamboedu@comune.bologna.it.

Ingresso: € 4,00 (It is not due to the payment of the entrance fee to the museum as the first Sunday of the month). Per i convenzionati e i possessori della Card Musei Metropolitani Bologna € 3,00

Info: www.mambo-bologna.org

ore 16:30 Collezioni Comunali d’Arte, Palazzo d’Accursio – Piazza Maggiore, 6

"Chiara Lecca. Close to the heart "

Guided tour of the exhibition with one of the curators, Silvia Battistini, and with the participation of the artist.

In the exhibition of the Municipal Art Collections, the artist fits with a speech that leads the viewer's gaze on a threshold between reality and illusion through four environmental installations, di cui una appositamente realizzata per questa occasione.

Ingresso: gratuito (It is not due to the payment of the entrance fee to the museum as the first Sunday of the month)

Info: www.museibologna.it/arteantica

ore 17:00 Museo della Musica – Strada Maggiore, 34

On the occasion of the festival of the year… The musicians tell the musicians – “Amor tiranno, sguardi armoniosi”

Un’Accademia musicale bolognese del Seicento.

Per “Ri-Creazioni: le collezioni museali raccontate”, incontro a cura di Athena Musica, gruppo di studio attivo nel Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna. Con Paolo Gozza e Federica Sargolini.

Il libretto per musica “Amor Tiranno” (1649), si presta a ri-creare l’immaginario amoroso dell’aristocrazia bolognese di metà ‘600, che accorda in una nobile Accademia cittadina le arti sorelle della Poesia, della Musica e della Bellezza metafisica.

“in the year of…” is the exhibition of musical narratives in which the musicians in person tell in words and music their art, inspired by the music of the year anniversaries.

Ingresso: Free to availability – Info: www.museibologna.it/musica

MOSTRE

 Museo del Risorgimento – Piazza Carducci, 5

“Fare l’Italia. Il Risorgimento romantico e eroico nei dipinti di Edoardo Matania (1849-1927)”, until the 2 April 2017

Se Giuseppe Verdi creò la colonna sonora dell’unità d’Italia, la sua immagine fu immortalata da Edoardo Matania. Su richiesta dell’editore Emilio Treves, il grande illustratore napoletano realizzò una serie di dipinti che, tra fedeltà al dato storico e mitologia eroica, ripercorrono il Risorgimento a partire da Gioacchino Murat (1815) fino alla proclamazione di Roma a capitale del nuovo Regno (1871). Tradotte in illustrazioni a stampa, le opere di Matania divennero ben presto popolarissime, contribuendo in misura decisiva a delineare e a trasmettere alle epoche successive i tratti del Risorgimento e dei suoi protagonisti.

La mostra presenta per la prima volta riuniti insieme una cinquantina di quei dipinti. Sono inoltre esposte stampe e pubblicazioni conservate presso la biblioteca del Museo del Risorgimento, che documentano il successo di questa importante operazione di costruzione di una memoria collettiva nazionale.

La mostra è realizzata grazie ad Enrico Gallerie d’Arte – Milano / Genova, in collaborazione con il Comune di Genova ed il Museo del Risorgimento – Istituto Mazziniano di Genova.

Info: www.museibologna.it/risorgimento

Museo Medievale – Via Manzoni, 4

“Martino Genchi. Raccogli la cosa nell’occhio”, until the 26 marzo 2017

Si intitola “Raccogli la cosa nell’occhio” il progetto di Martino Genchi appositamente ideato per il Museo Medievale.

Invitato a confrontarsi con un contesto in cui la lacunosità di alcuni reperti di epoca medievale costituisce un principio fondante per l’allestimento espositivo, Genchi sceglie di posare il proprio sguardo non su ciò che sopravvive come testimonianza frammentaria del passato, bensì sulla memoria attiva di ciò che appare nella sua assenza a causa del disfacimento della storia.

I danneggiamenti e i vuoti generati da terremoti, spoliazioni e cancellazioni, vengono interpretati dall’artista come segnali di un conflitto tra ricerca di eternità e consunzione del quotidiano, per essere trasformati in fenomeni visivi: gaze objects that are added to those on display in the museum display. & nbsp;L’intervento concepito da Genchi si insinua infatti nelle profondità delle opere non per sondarne l’intenzione semantica, ma per indagarne le parti mancanti che ne compromettono una rappresentazione formale compiuta, e proprio per questo, continuano a echeggiare per lunghe distanze temporali la necessità di trasmissione della propria percezione, oltre la soglia di ciò che è accessibile all’occhio.

L’artista interagisce infatti con le sue collezioni e i suoi spazi architettonici attraverso un percorso di installazioni poligonali, in alcuni casi delimitate da cornici in alluminio anodizzato argenteo, fissate in sospensione alle pareti da tiranti, che affiorano come espressioni mediate di un tempo trascorso non più visibile attraversando sei sale del museo, tra piano interrato, piano terra e primo piano come un fluido dispositivo di compatta coerenza formale.

Il progetto è accompagnato dal contributo critico di Claudio Musso. Si ringrazia la Galleria Michela Rizzo per la gentile collaborazione e il prezioso supporto.

Il progetto è promosso dall’Istituzione Bologna Musei nell’ambito della sezione ART CITY Polis della quinta edizione di ART CITY Bologna.

Info: www.museibologna.it/arteantica

MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – Via Don Minzoni, 14

“Jonas Burgert. Lotsucht / Scandagliodipendenza”, until the 17 April 2017

Il MAMbo presenta la prima personale in Italia dell’artista tedesco Jonas Burgert.

“Lotsucht / Scandagliodipendenza”, curata da Laura Carlini Fanfogna, propone negli ampi spazi della Sala delle Ciminiere 38 dipinti, prevalentemente di grandi dimensioni, creati dall’artista nell’ultimo decennio.

Jonas Burgert, con ogni composizione, con ogni singola pennellata dipinge veri e propri scenari. Le sue opere raffigurano la sua visione della rappresentazione teatrale che costituisce l’esistenza umana, dell’inesauribile bisogno dell’uomo di dare un senso, una direzione e uno scopo alla propria vita. La ricerca si apre ad ogni sfera della ragione, dell’immaginazione e del desiderio generando tele di grandi dimensioni, affollate di figure fantastiche di proporzioni diverse: ci sono scimmie e zebre, scheletri e arlecchini, amazzoni, bambini, a volte il pittore stesso. Questa dinamica soprannumeraria genera un senso di forte inquietudine in chi guarda: i soggetti raffigurati indossano maschere e costumi, ci sono pareti e pavimenti che si squarciano rivelando cumuli di corpi o liquidi incandescenti, mentre un buio inspiegabile incombe ovunque.

Lo scandaglio che troviamo nel titolo della mostra appare con frequenza nelle opere di Jonas Burgert. Scandagliare compulsivamente la realtà in un cimento perpetuo è la passione, l’ossessione dell’artista. Metaforicamente il filo a piombo simboleggia l’equilibrio interiore e la ricerca spirituale. Burgert privilegia l’analisi dei grandi temi esistenziali, in un percorso di approfondimento che non disdegna di avventurarsi in angoli ignoti per esplorare sentimenti, emozioni, ossessioni, demoni, per ridefinire, prova dopo prova, un rinnovato “ubi consistam”, per ripristinare il punto di equilibrio dopo l’abbandono di ogni saldo appoggio nel tentativo di ampliare i limiti della conoscenza personale e rinsaldare le ragioni di vita hic et nunc, per ristabilire il centro di gravità dopo ogni nuova, anche estrema, esperienza.

Si ringrazia Blain|Southern Gallery for their kind cooperation and valuable support. & Nbsp;La mostra rientra nella sezione ART CITY Polis della quinta edizione di ART CITY Bologna.

Info: www.mambo-bologna.org

Museo della Musica – Strada Maggiore, 34

“Marco Di Giovanni. Orizzonte degli eventi”, until the 12 marzo 2017

Il Museo della Musica accoglie il progetto espositivo di Marco Di Giovanni “Orizzonte degli eventi”, nel segno di una trasversalità di generi artistici e idiomi musicali che avvicina alle pratiche artistiche contemporanee le preziose collezioni del museo che documentano la storia della musica europea dal XIII al XIX secolo.

“Orizzonte degli eventi” ricontestualizza alcuni fra i lavori più emblematici realizzati da Marco Di Giovanni negli ultimi anni. L’intervento, appositamente ideato in funzione di due ambienti del museo, acquisisce una pregnanza di particolare densità per la capacità dell’artista di concentrare la sua dimensione espressiva entro un percorso multidisciplinare di complessa configurazione compositiva. Per le sale dedicate agli eventi temporanei Di Giovanni concepisce infatti un display di rigorosa logica immanente che, attraverso una fitta rete di interrelazioni tra diversi linguaggi come scultura, disegno, installazione sonora e performance, invita il pubblico ad andare oltre la soglia del visibile, coinvolgendolo in un’avvolgente esperienza immersiva.

Il progetto, a cura di Sabrina Samorì, rientra nella sezione ART CITY Polis della quinta edizione di ART CITY Bologna.

Info: www.museibologna.it/musica

Casa Morandi – Via Fondazza, 36

“Ornaghi & Prestinari. Grigio Lieve”, until the 12 marzo

La mosta “Grigio Lieve” di Ornaghi & Prestinari offre una nuova prospettiva di confronto con la pratica artistica di Giorgio Morandi.

Ricostruendo lo studio del maestro bolognese attraverso un modello virtuale 3D, Valentina Ornaghi e Claudio Prestinari hanno riletto le opere e la poetica di Morandi, ricreando i set dei dipinti e le rispettive composizioni, to deduce hidden views through which they modeled the shadow cone in the absence of objects. & nbsp;Gli artisti hanno lavorato sulla possibilità di dare una forma concreta e tridimensionale alle ombre di quegli oggetti tanto amati e ricorrenti nelle celebri nature morte morandiane. Ne è derivata la produzione di una serie di sculture in plastilina in seguito diventate soggetto degli scatti fotografici che si vedono esposti, insieme alle sculture stesse e a un video, negli spazi di Casa Morandi.

“Grigio Lieve” è una ricerca sulle possibilità della luce e sulle stratificazioni del passaggio del tempo, sulla scultura intesa più come dispositivo e attitudine, sulla luce che conferisce un certo ritmo alle superfici, disegna volumi e ombre nell’immaterialità dell’immagine.

La ricerca dei due giovani artisti milanesi, partendo dall’esercizio quotidiano di Giorgio Morandi, propone anche una riflessione sul ruolo della fotografia nella traduzione bidimensionale della scultura, che rende palpabile la relatività del tempo e del punto di vista, l’attitudine a frammentare la visione globale.

Il progetto, a cura di Roberto Pinto, rientra nella sezione ART CITY Polis della quinta edizione di ART CITY Bologna.

Info: www.mambo-bologna.org

Collezioni Comunali d’Arte, Palazzo d’Accursio, Piazza Maggiore, 6

“Chiara Lecca. A fior di pelle”, until the 19 marzo 2017

Le Collezioni Comunali d’Arte si aprono a uno scenario tra realtà e illusione con la mostra “A fior di pelle” di Chiara Lecca.

All’interno dell’ampio percorso museale situato al secondo piano di Palazzo d’Accursio, in cui è custodito un ricco patrimonio artistico databile dal Duecento agli inizi del Novecento, l’artista interviene in quattro sale (I, IV, XII, XVI) disseminando installazioni che sottolineano la studiata interazione con le peculiari caratteristiche degli ambienti storici in cui si inseriscono.

Fin dagli esordi, la ricerca artistica di Chiara Lecca si focalizza sulla relazione tra uomo e natura per farne emergere la frattura operata dalla società contemporanea e la contraddittorietà insita nel comportamento collettivo umano di rimozione della parte istintiva e selvaggia in contrapposizione alla sfera razionale. Il suo lavoro induce lo spettatore a interrogarsi e a ripensare la propria origine attraverso un immaginario di perturbante forza visionaria, in cui l’elemento animale diventa materia per un processo di ambigua alterazione semiotica.

La mostra, a cura di Sabrina Samorì e Silvia Battistini, rientra nella sezione ART CITY Polis della quinta edizione di ART CITY Bologna.

Info: www.museibologna.it/arteantica

“Algardi, Bernini, Velázquez: tre ritratti a confronto”, fino all’8 maggio 2017

I Musei Civici d’Arte Antica, in collaborazione con i Musei Capitolini di Roma, espongono per la prima volta a Bologna un dipinto di Diego Velázquez (1599-1660).

Nella Sala Urbana delle Collezioni Comunali d’Arte è visibile il “Ritratto di uomo” della Pinacoteca Capitolina, che la critica ha supposto possa essere un autoritratto del celebre artista spagnolo.

L’arrivo del quadro a Bologna, che offre anche l’occasione per ricordare il passaggio dello stesso grande pittore spagnolo nella nostra città nel corso del suo primo viaggio in Italia (1629-1641), presta lo spunto per costruire un breve percorso su alcuni momenti della storia del ritratto nella Roma della prima metà del Seicento, in cui si assiste ad una nuova formulazione di questo specifico genere artistico, destinata a grande fortuna.

La mostra, a cura di Massimo Medica e Mark Gregory D’Apuzzo, accosta infatti allo straordinario dipinto dell’artista spagnolo due opere dei Musei Civici bolognesi, ugualmente significative: il “Busto di papa Gregorio XV” (1621-1622) di Gian Lorenzo Bernini (1598-1680), esemplare in bronzo derivato dal prototipo in marmo richiesto dal cardinal nipote Ludovico Ludovisi in occasione della salita dello zio al soglio pontificio, e la “Testa di San Filippo Neri” (realizzata intorno al 1640) di Alessandro Algardi (1595-1654), modeled in red wax and obtained from the Holy funeral mask in the church of the Vallicella in Rome. & nbsp;Tre ritratti, dunque, uno in pittura e due in scultura.

Info: www.museibologna.it/arteantica

Museo Morandi – Via Don Minzoni, 14

“Morandi topical. Works donated to the museum by 1999 to date”, until the 19 marzo 2017

Il Museo Morandi dedica una intera sala del proprio percorso all’esposizione di una serie di opere che dal 1999 a oggi sono entrate a far parte della collezione a seguito di generose donazioni da parte di artisti che, nel loro percorso di ricerca estetica, hanno dichiaratamente guardato all’opera di Giorgio Morandi.

David Adika, Julius Bissier, Ada Duker, Alexandre Hollan, Joel Meyerowitz, Zoran Music, Wayne Thiebaud e Marco Maria Zanin sono gli autori dei 19 lavori esposti, diversi per tecnica e soggetto. Attraverso un confronto dialettico con le opere di Morandi si intende offrire al visitatore una nuova chiave di lettura e interpretazione del suo universo artistico, nonché ribadirne la forte presenza nell’immaginario culturale globale e la sua influenza sulla cultura visiva internazionale.

L’isolamento estetico dell’oggetto o dei gruppi di oggetti e l’apparente ripetitività della rappresentazione, che ritroviamo nelle opere di Thiebaud; la costruzione volumetrica e architettonica dello spazio dove anche il vuoto si fa forma nelle foto di Ada Duker; la dimensione atemporale e metafisica dell’oggetto nelle foto di Adika, Meyerowitz e Zanin; “i silenzi colorati” degli acquerelli di Hollan; la pulizia dell’immagine e il tono cromatico degli acquerelli di Music e Bissier; tutto ciò rimanda al rigoroso atteggiamento di Morandi nei confronti della pratica artistica, intesa come momento di indagine euristica, ovvero occasione per un’analisi obiettiva del dato naturale, territorio dove si celano incanto poetico ed emozione lirica.

Comprendere questo aspetto della ricerca morandiana significa ricondurre la sua esperienza estetica ad un atteggiamento fenomenologico che si esplica nella sua affermazione dell’essere e dell’esistere e nella sua intuizione eidetica che consente di cogliere l’essenza delle cose.

La mostra, a cura di Alessia Masi, rientra nella sezione ART CITY Polis della quinta edizione di ART CITY Bologna.

Info: www.mambo-bologna.org

Museo Medievale – Via Manzoni, 4

“San Domenico: il volto del Santo nei codici miniati del Museo Civico Medievale 1216-2016”, fino all’11 giugno 2017

In occasione dell’Ottavo Centenario della conferma della regola dell’Ordine dei Predicatori (1216-2016), la piccola esposizione, curata da Ilaria Negretti e Paolo Cova, è dedicata allo studio iconografico delle miniature di Domenico rintracciate nei codici Due-Trecenteschi conservati nella collezione del Museo Civico Medievale.

«…era di statura media, di corporatura delicata, la faccia bella e un poco rossa, i capelli e la barba leggermente rossi, belli gli occhi. Dalla sua fronte, e fra le ciglia, irraggiava un certo splendore, che attirava tutti a venerarlo e ad amarlo. Sempre ilare e giocondo, se non mosso a compassione per qualche afflizione del prossimo. Aveva le mani lunghe e belle. Aveva una grande voce bella e risonante. Non fu affatto calvo, ma aveva la corona della rasura del tutto integra, cosparsa di pochi capelli bianchi.»

In questa mirabile descrizione di Domenico di Guzmán la beata Cecilia Cesarini, partecipe della prima esperienza del nuovo ordine, tratteggia con realismo la sua fisionomia. È interessante notare come le immagini più antiche, realizzate nella seconda metà del XIII secolo, a qualche decennio di distanza dalla morte del Santo (1221), paiono tramandare la memoria del suo vero volto.

Info: www.museibologna.it/arteantica

Museo del Patrimonio Industriale – Via della Beverara, 123

“Il valore della tecnica: 120 anni di Officine Ortopediche Rizzoli”, until the 16 April 2017

La mostra, a cura di Officine Ortopediche Rizzoli, presenta pannelli illustrativi, objects – fra cui protesi, strumenti, banconi da lavoro – diversi exhibit, videoproiezioni e apparati multimediali, suddivisi in 6 ambiti tematici, che consentono di ricostruire la storia delle Officine Ortopediche Rizzoli dal 1896 to date, sottolineando le scelte, le ricerche, gli indirizzi innovativi che hanno portato a sviluppare tecnologie d’avanguardia.

Il fondatore Francesco Rizzoli dedicò la vita alla medicina, contribuendo concretamente alla nascita dell’Istituto ortopedico (1896) dando come obiettivi il «progresso delle scienze, del bene dell’umanità e del patrio decoro».

Negli anni tra le due guerre mondiali le Officine si specializzarono nella produzione di protesi e ausili per le persone, introducendo, negli anni 1950-’70, anche materiali adatti a soddisfare le esigenze funzionali ed estetiche di un mondo in rapido mutamento.

Le tendenze degli ultimi 30 anni vedono introdurre tecnologie sofisticate e innesti robotici per concorrere non solo al pieno recupero della funzionalità anatomica, ma per consentire di raggiungere anche prestazioni inattese in molteplici campi della vita attiva.

Oggi, dopo 120 anni la sfida non è ancora conclusa: per tenere fede all’idea del fondatore, ossia la vicinanza al paziente nel suo recupero funzionale, Officine Ortopediche Rizzoli è entrata nel gruppo ab medica holding, una realtà leader nella produzione e distribuzione di tecnologie medicali, con una prospettiva di sviluppo sempre più vicina alle esigenze delle persone.

Info: www.museibologna.it/patrimonioindustriale


L’Istituzione Bologna Musei racconta, attraverso le sue collezioni, l’intera storia dell’area metropolitana bolognese, dai primi insediamenti preistorici fino alle dinamiche artistiche, economiche, scientifiche e produttive della società contemporanea.

Un unico percorso diffuso sul territorio, articolato per aree tematiche.

Archeologia, storia, storia dell’arte, musica, patrimonio industriale e cultura tecnica sono i grandi temi che è possibile affrontare, anche attraverso percorsi trasversali alle varie sedi.

Fanno parte dell’Istituzione Bologna Musei: MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, Museo Morandi, Casa Morandi, Villa delle Rose, Museo per la Memoria di Ustica, Museo Civico Archeologico, Museo Civico Medievale, Collezioni Comunali d’Arte, Museo Civico d’Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini, Museo del Patrimonio Industriale, Museo e Biblioteca del Risorgimento, Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna, Museum of Tapestry "Vittorio Zironi". & Nbsp;Info: www.museibologna.it.

La Card Musei Metropolitani di Bologna è il nuovo servizio attivato in occasione del IX centenario del Comune di Bologna per ampliare l’accessibilità al patrimonio storico artistico della città: un abbonamento che offre accesso illimitato alle collezioni permanenti e ingresso a prezzo ridotto alle mostre temporanee di tanti musei della città e dell’area metropolitana. Vale 12 mesi e costa 25 euro: tutte le informazioni sono disponibili sul sito cardmuseibologna.it.

INDIRIZZI E RECAPITI

MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna e Museo Morandi

via Don Minzoni 14 – tel. 051 6496611

aperto: martedì, mercoledì, domenica e festivi: ore 10-18; giovedì, venerdì e sabato: ore 10-19

Casa Morandi

via Fondazza 36 – tel. 051 6496611

aperto: by appointment only on the following days and times:

from October to May on Friday and Saturday hours 14-16; domenica: ore 11-13

from June to September on Friday and Saturday hours 17-19; domenica: ore 11-13

Villa delle Rose

via Saragozza 228/230 – tel. 051 436818 – 6496611

aperto: in occasione di eventi espositivi

Museo per la Memoria di Ustica

via di Saliceto 3/22 – tel. 051 377680

venerdì, sabato e domenica: ore 10-18

Museo Civico Archeologico

via dell’Archiginnasio 2 – tel. 051 2757211

aperto: martedì – venerdì: ore 9-15; sabato, domenica e festivi: ore 10-18.30

Museo Civico Medievale

via Manzoni 4 – tel. 051 2193916 – 2193930

aperto: martedì – venerdì: ore 9-15; sabato, domenica e festivi: ore 10-18.30

Collezioni Comunali d’Arte

Palazzo d’Accursio, Piazza Maggiore 6 – tel. 051 2193998

aperto: martedì – venerdì: ore 9-18.30; sabato, domenica e festivi: ore 10-18.30

Museo Civico d’Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini

Strada Maggiore 44 – tel. 051 236708

aperto: martedì – sabato: ore 9-14; domenica e festivi: ore 9-13

Museo internazionale e biblioteca della musica

Strada Maggiore 34 – tel. 051 2757711

aperto: martedì – venerdì: ore 9.30-16; sabato, domenica e festivi: ore 10-18.30

Museo del Patrimonio Industriale

via della Beverara 123 – tel. 051 6356611

aperto: martedì, mercoledì, giovedì, venerdì: ore 9-13; sabato: ore 9-13 e 15-18; domenica: ore 15-18

Museo civico del Risorgimento

Piazza Carducci 5 – tel. 051 347592

aperto: martedì – domenica: ore 9-13