ESTILO DE VIDA & BIENESTAR

BLACK & WHITE, BIANCO, NERO O….DALMATA

FASHION VETS FOR FASHION PETS

a cura di Federica Clemente e Thomas Calderoni

Bianco, nero o dalmata

Esemplare di estremo fascino e gran portamento: il cane dalmata è stato per molti anni uno status simbol tra i pets.
Diventa modello per numerosi pittori fiamminghi in opere sul tema della caccia.
Con i suoi occhi dolci e profondi, l’ andatura slanciata ed elegante e , soprattutto, il mantello corto, pezzato bianco e nero, conquista migliaia di famiglie, con o senza bambini.
Come spesso accade, il trampolino di lancio di questa razza canina è stato il famoso libro e film animato “La carica dei 101” del 1961.
Pongo e Peggy interpretano la magia dell’eleganza e dell’amore, portando all’incontro i loro due amici umani Anita e Rudy.
Se dovessi dipingere un cane dalmata, non basterebbero nella tavolozza dei colori solo il bianco e il nero: vorrei il rosso per un cane giocherellone, il giallo per un cane energico e amichevole ed il blu per la forte personalità.
La razza dalmata appartiene alla classificazione del Gruppo 6 “segugi e cani per pista di sangue” ed è di origine croata, secondo le indicazioni FCI, Federazione Cinologica Internazionale. Ricordo che i meravigliosi cuccioli di dalmata nascono interamente bianchi, per poi presentare la loro tipica pezzatura, solo dopo le prime settimane , nelle varianti cioccolato o nero.
Sotto allo stiloso abito bianco con pois, si nasconde una salute minata da varie alterazioni genetiche, che lo contraddistinguono come razza.
Uno dei maggiori problemi del Dalmata è la propensione alla sordità genetica, legata proprio allo stesso gene che ne determina la prevalenza del mantello bianco.
Anche la tiroidite autoimmune è piuttosto frequente in questa razza e affligge oltre il 10% degli esemplari.
Infine , va ricordata la predisposizione genetica alla formazione di calcoli renali, per un difetto nel metabolismo dell’acido urico.
Come sempre, è necessario fare 101 considerazioni prima di acquistare un cane. La corretta educazione del proprietario permette delle scelte molto consapevoli e mirate, che vadano oltre il “dress code” di una determinata razza.

“le informazioni contenute in questa rubrica sono esclusivamente di carattere divulgativo, generale e non devono in alcun modo essere sostituzione del parere medico del vostro veterinario di fiducia”