FASHION & BEAUTY

ANTICIPAZIONI COLLEZIONI SPOSA 2020

a cura di Alessandra Cristiani – Consulenza Spose LA FATA MADRINA

Come sarà la sposa 2020? Il trend 2019 che vuole una sposa  sensuale e preziosa si riconferma ma… con qualche variante, diciamo che i bridal stilysts hanno puntato più sullo stile che sulla sensualità.

Certo scollature, spacchi, trasparenze, effetti tattoo e simil nude look non sono scomparsi con la differenza però che la sposa 2020 seduce ugualmente ma senza troppo esibire.

I tessuti degli abiti sono preziosi…broccati, pizzi, stoffe con lurex e paillettes, la sposa deve brillare, oltre che di luce propria, anche di dettagli luminosi.

E quando swarovski e cristalli non sono sull’abito nuziale si trovano nelle decorazioni delle acconciature ed anche sulle calzature che sono glitterate o tempestate di strass.

In molte sfilate infatti, gli abiti da sposa candidi sono stati completati con scarpe di colore diverso,  sandali gioiello, calzature oro, argento o color nude. 

Moltissimi i ricami 3D che decorano i corpetti e gli abiti da sposa 2020, abbinati ad applicazioni in piume (altre grandi protagoniste delle passerelle bridal) fiori e farfalle.

Il classico velo da sposa lungo lascia il posto alle mantelle o a veli corti e particolari.

Riscoperto il plumetis o tulle point d’esprit, che conferisce alla sposa un tocco bon ton retrò ed è stato presentato in molte delle collezioni sposa per il prossimo anno.

Tra i colori il più proposto è stato il rosa in tutte le sue sfumature.

Un altro trend che si va consolidando sono gli abiti da sposa accollati e con maniche lunghe, ogni brand ne ha messo in collezione almeno uno.

Make up ed acconciature sono estremamente naturali, i colori del make up, tendenzialmente tenui  si accordano all’incarnato ed al colore dei capelli.

Le acconciature sono prevalentemente sciolte o semi raccolte da un lato, per il raccolto invece la pettinatura più trendy per la sposa 2020 è  il messy chignon o chignon (fintamente) spettinato… glamour e molto chic.

Si ringrazia Sinergie Fotografiche di Simona Lattuga per il contributo fotografico.